Giovinbacco Sangiovese in Festa

 

“GiovinBacco. Sangiovese in Festa”, la più grande manifestazione enologica dedicata al Romagna Sangiovese e agli altri vini romagnoli, giunge alla XVI edizione e si appresta a conquistare ancora una volta il cuore di Ravenna, dopo il grande successo delle ultime edizioni.

Il 26, 27 e 28 ottobre 2018 il centro della città per tre giorni diventa teatro del buon vino e del buon cibo di Romagna. E come ogni anno si arricchisce di nuovi luoghi e proposte per il pubblico, fra cui spicca “Formaggi a Palazzo” che da quest’anno diventerà un focus biennale dedicato ai prodotti caseari locali e nazionali e verrà alternato alla nuova proposta del prossimo anno “Pane e olio”.

Giovinbacco è organizzato da Slow Food Ravenna, Tuttifrutti agenzia di pubblicità e con la compartecipazione del Comune di Ravenna.

Scopri le iniziative Slow Food Ravenna

di Giovinbacco 2018!

I LUOGHI DI GIOVINBACCO 2018

PALAZZO RASPONI

  • “Formaggi a Palazzo” Palazzo Rasponi: Mostra Mercato dei formaggi dell’ Emilia Romagna, Italiani ed esteri. Produttori locali e provenienti da tutta Italia e estero ci metteranno la faccia spiegando il loro prodotto, con assaggio e vendita.
  • Mostra sulla Grande Guerra in occasione del centenario organizzata dal Lyon’s Host
  • All’ingresso di Palazzo Rasponi sono stati allestiti quattro spazi
    – Torrefazione Artigianale Caffè Penazzi 1926 Ferrara www.caffepenazzi.it
    – Aguardiente Cocktail & Punches :vasto assortimento di vermuth, Rum Clairin e
    miscelazione www.velier.it A cura di Jimmy Bertazzoli.
    – Loison Pasticceri artigianali dal 1938 con panettone e pasticceria al burro www.loison.com
    – Tavolo con un vasto assortimento di vini passiti di Romagna

SALONE DEI MOSAICI

Mostra fotografica storica “ La Regia Marina Militare Italiana nel Porto Canale Corsini 1915-
1918. Centenario 1918-2018”.

PIAZZA KENNEDY

  • Spazio Slow Food con le Comunità del Cibo, il Lavoro dei Contadini, Slow Food Youth Network Emilia-Romagna, lo Scalogno di Romagna, Orto in Condotta, Sale di Cervia, Aglio nero di Voghiera, laboratori Bimbo Cheese. L’Associazione Il Lavoro dei Contadini propone prodotti agricoli, artigianato artistico e piatti cucinati al momento. Libri, informazioni e incontri sul movimento e sul cibo oltre ai famosi Presìdi Slow Food.
  • “Villaggio Slow” il mercato settimanale di Slow Food e il Gruppo di acquisto “A tutto Gas”
    Una selezione di 10 produttori presenti al mercato presso il Villaggio del Fanciullo
  • Vini Slow: ampia presenza (53) di vini presenti nella guida Slow Wine e premiati. Bottiglia che, oltre ad avere una qualità organolettica eccellente, riesce a condensare nel bicchiere caratteri legati a territorio, storia e ambiente. L’attibuzione di questo simbolo implica l’assenza di diserbo chimico nei vigneti. Il Vino Slow risponde anche al criterio del buon rapporto tra la qualità e il prezzo, tenuto conto di quando e dove è stato prodotto.
  • Cibo in strada dell’ Emilia Romagna. Una parte della grande piazza è dedicata alla
    convivialità con le osterie dell’Alleanza Slow Food, osterie presenti nella guida Osterie Slow
    Food e ristoranti del territorio: Casa Spadoni, Campanara, Gran Fritto, Passatelli, Alba Bistrot/Finisterre Beach, Al Deserto, Amarissimo, Vecchia Canala a cui si aggiungono il Bortolaccio di Tredozio, Mozzarella in diretta I mercanti del Gusto di Piacenza, Burlengo, Gnocco fritto e Crescentine di Pavullo.
  • Birre artigianali: Bizantina, Salinae, la bionda del mugnaio del birrificio Molino Spadoni

PIAZZA DEL POPOLO

  • Cantine di Romagna. Spazio dedicato alle migliori cantine con Sangiovese, albana e vitigni autoctoni per un totale di circa 80 cantine. Il pubblico potrà assaggiare i vini romagnoli – Sangiovese, Albana e tanti altri vini locali a scelta delle diverse cantine – con un allestimento che facilita la degustazione e il contatto fra pubblico, produttori e sommelier
  • Movimento Turismo del Vino, un’associazione no profit che annovera circa 1000 fra le più
    prestigiose cantine d’Italia. Sarà presente con una buona selezione di cantine dell’Emilia
    Romagna
  • Capanno Stuzzichino che proporrà il “Piatto Stuzzichino” riproposto grazie alla collaborazione di Coop Alleanza 3.0 che offre i suoi prodotti, a cui si aggiunge Felsineo con
    la sua mortadella Igp.
  • Lions Club Ravenna Bisanzio gestisce un banco di vendita dei vini a scopo benefico
  • Strade di Romagna presente con una buona selezione di piccole cantine di Romagna
  • Spazio Tuttifrutti, organizzazione Giovinbacco, info e casse
  • Postazione del Sert per illustrare al pubblico i pericoli legati all’abuso di alcol, in
    particolare se associato alla guida

PIAZZA UNITA’ D’ITALIA

Altra novità nell’ex piazzetta delle carceri e delle poste a fianco di Piazza del Popolo: in questo
ampio spazio saranno allestiti sei diversi chioschi: tre di piadina e tre di pasta fresca, gestiti dai
negozi artigiani di CNA Ravenna che condividono la filosofia di Slow Food e che avvia così una
stretta collaborazione con GiovinBacco. Sarà presente un birrificio artigianale localoe.

VIA GORDINI E VIA CORRADO RICCI
Il sabato e la domenica saranno le vie di due importanti iniziative della condotta Ravennate:
Madra (Mercato Agricolo Domenicale di Ravenna) e GiovinBacco. 40 / 50 contadini, artigiani,
produttori proporranno la vendita dei loro prodotti

RAVENNA FESTIVAL E LE BANDE MUSICALI
Grazie alla collaborazione iniziata da alcuni anni con Ravenna Festival quest’anno avremo la
Trilogia d’Autunno dedicata all’opera italiana (Nabucco – Rigoletto – Otello), e durante le giornate
di GiovinBacco le bande musicali di Ravenna, Russi e Santa Sofia porteranno musica, festa e
allegria per le vie e le piazze del centro.

PROGRAMMA SLOW FOOD 26-27-28 Ottobre 2018

VENERDÌ 26 OTTOBRE 2018

Parmigiano Reggiano, la storia di un sapore millenario

Ore 18,30 – Palazzo Rasponi

Laboratorio gratuito

raccontata nella “Guida al parmigiano reggiano, storia, tipologie, degustazione” edita da Slow Food in collaborazione con il Consorzio Parmigiano Reggiano. Laura Giorgi giornalista racconterà il lavoro di ideazione della guida, dei criteri di indagine e il lavoro sul campo con la visita diretta a caselli e caseifici. Iginio Morini, Consorzio Parmigiano Reggiano guiderà nella conoscenza approfondita delle varie tipologie di Parmigiano Reggiano in base alla loro zona di produzione, razza bovina e stagionatura. Seguirà degustazione guidata di tre tipologie di Parmigiano 24 mesi provenienti da tre diverse aree produttive e ricavate dalla lavorazione del latte di diverse razze bovine. Completerà il percorso sensoriale l’assaggio della produzione degli stessi caseifici di forme di 48 mesi per comprendere il lavoro che il tempo opera sulla trasformazione di questo prodotto. Laboratorio gratuito.

Laboratorio del Gusto: Vignaioli Contrari – A tavola col produttore

Ore 20,00 – Palazzo Rasponi

Costo laboratorio € 15,00 – 8 Vini in degustazione Posti disponibili: 24 /28

con la presenza di Marcello Tebaldi , Mirco Bellucci, Simone Balestri. I Vignaioli Contrari sono coloro che mettono la loro terra e la loro storia dentro i vini che producono. Sono Contrari all’omologazione del territorio e delle sue unicità. Piccole realtà artigiane che cercano di valorizzare al meglio il vino prodotto da vitigni autoctoni, che danno il senso di continuità alla storia della coltura enologica e della tradizione del territorio a cui appartengono.
Il Territorio attraverso il vino “i rifermentati in Bottiglia Emiliani” 4 Tavoli 4 Produttori 4 Terroir 4 Storie da raccontare. Conducono la degustazione : “Roulette de vin” i Vignaioli medesimi:
Ogni 25 minuti i produttori si spostano da tavolo a tavolo. In abbinamento salumi e formaggi.

SABATO 27 OTTOBRE 2018

Laboratorio Bimbo Cheese

Spazio Slow Food

Prima Parte -> Sabato 27 ottobre ore 10,30 Trasformazione dal latte al formaggio Laboratorio partecipato per bambini. Massimo 10 bambini Conduce Az. Agr. Caboi

Seconda Parte -> Domenica 28 ottobre ore 15,30 Raviggiolo dimostrazione: partenza dal latte al prodotto finito e al termine degustazione massimo 15 bambini Conduce Az. Agr. Caboi

Al termine un documento finale rilasciato ai bambini che hanno partecipato ai laboratori ottenendo l’attestato di “Futuro Mastro Casaro”

Convegno La Regia Marina Militare Italiana nel Porto Canale Corsini 1915- 1918 – Organizzato da Comitato Fabbrica Vecchia, A.N.M.I., Slow Food Ravenna: (nella commemorazione del Centenario 1918 – 2018)

Ore 9,30 Salone dei Mosaici 1°piano Pzza Kennedy –ingresso via IX Febbraio, 1

INTERVENGONO

  • Elsa Signorino, Assessore alla Cultura del Comune di Ravenna
  • Giancarlo Bazzoni, Presidente del Comitato Fabbrica Vecchi
  • Silvano Molducci, Past President della sezione ANMI di Ravenna
  • Capitano di Vascello Roberto Fazio, Capo di Stato Maggiore del Comando Scuole della Marina Militare con sede in Ancona
  • Claudio Cornazzani, ricercatore

Laboratorio del Gusto: Storico Ribelle Verticale di tre annate di Bitto Storico Conduce Paolo Ciapparelli Consorzio per la Salvaguardia del Bitto Storico Gerola Alta (So)

Ore 11,30 Salone dei Mosaici 

Laboratorio a pagamento

Il formaggio Storico ribelle, già Bitto Storico, è senza dubbio, uno dei simboli della produzione casearia lombarda: formaggio di grande tradizione e straordinaria attitudine all’invecchiamento, è legato in maniera profonda alle montagne da cui prende origine. Lo Storico Ribelle, giustamente stagionato è straordinario da tavola, e quando poi si prolunga l’affinamento per 6, 7 anni o più, diventa uno dei rarissimi formaggi da meditazione del mondo. In abbinamento Sangiovese superiore e Sangiovese sup. Riserva.

Forum:Riflessioni sui formaggi eroici”

Ore 15,00 Salone dei Mosaici

Degustazione a pagamento

con Paolo Ciapparelli (Storico Ribelle, Bitto ), Renato Brancaleoni (Formaggio di Fossa), Graziano Poggioli (Parmigiano Reggiano di Vacca Bianca Modenese), Mauro Pasquali (Asiago Stravecchio, Morlacco e Monte Veronese ) Franco Lecca (pastore), moderatore Mauro Zanarini.

Nell’occasione il Maestro Formaggiaio Graziano Poggioli aprirà una forma intera stagionata di biologico Vacca Bianca Modenese. L’obbiettivo è sensibilizzare l’opinione pubblica – consumatori e pastori, contadini e casari, artigiani e chef – sull’ultimo attacco della burocrazia europea alla produzione agroalimentare di qualità del nostro paese e con essa salvare centinaia di piccole produzioni e il patrimonio di latti, mestieri, tecniche, tradizioni e comunità che custodiscono.

Laboratorio del Gusto: Il formaggio della Fossa dell’Abbondanza

Ore 16,30 Salone dei Mosaici

Laboratorio a pagamento

Conduce Renato Brancaleoni Fossa dell’Abbondanza Roncofreddo (FC). La Famiglia Brancaleoni risiede nella valle del Rubicone ed esattamente a Roncofreddo da oltre 250 anni e il mestiere dell’affinatore altro non è che il ripetersi di una tradizione che ha radici antichissime: Renato e Anna Brancaleoni attualmente sono i depositari di questa antica tradizione di famiglia. Renato Brancaleoni e sua figlia Anna affinano formaggi secondo tradizione: dal Formaggio di Fossa, prodotto in piccolissime quantità e ancora fatto una sola volta all’anno secondo l’infossatura canonica (da agosto a novembre) alle altre stagionature, alle Foglie di Noci al Fieno, alla Cenere allo Stravecchio di Natale. In abbinamento due vini.

Laboratorio del Gusto: I formaggi dall’Altopiano al Piave e la Grande Guerra.

Ore 18,00 Palazzo Rasponi

Il 2018 è l’anno delle celebrazioni del Centenario della Grande Guerra, qui si sono scritte le pagine più importanti che ebbero luogo tra il 1917 e 1918. Per incoraggiare e stordire i pensieri dei poveri soldati, carne da macello, ad uscire dalle trincee ed andare incontro ad una morte certa veniva usata grappa in gran quantità. Ogni borgo racconta percorsi di alto valore storico e simbolico, e il corso del Piave riporta agli occhi la storia d’Italia. Intervengono Mauro Pasquali Slow Food Veneto, Giuseppe Masetti Direttore Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea della provincia di Ravenna e Mario Borioni per la grappa. Al termine degustazione gratuita di formaggio veneto abbinato a grappa Nonino.

DOMENICA 28 OTTOBRE 2018

Spazio Slow Food

Slow Food Youth Network Emilia-Romagna è il neonato gruppo giovani di Slow Food di cui Ravenna è partecipe e sostenitore. Sfyn E-R sta lavorando al progetto “Rites of Passage, Riti di Passaggio – I giovani alla guida del cibo in Emilia-Romagna”, mappando e intervistando i produttori o cuochi Slow Food giovani dell’Emilia-Romagna.
Il progetto, presentato ufficialmente a Terra Madre Salone del Gusto lo scorso Settembre, sarà presentato a Ravenna in occasione del Giovinbacco.

Ore 16:30 i ragazzi di Sfyn apprenderanno dai più anziani (rito di passaggio) come si fanno i passatelli e intervisteranno le Azdore. Prenotazione obbligatoria max 10 posti.

Ore 18:00 presentazione del progetto “Rites of Passage – Riti di Passaggio – I giovani alla guida del cibo in Emilia-Romagna”

Ore 19:00 Aperitivo: Musica, Birra Bizantina di Ravenna e Prodotti Tipici del Territorio! Let’s have fun!!

L’iniziativa è inserita nella campagna Food for Change di cui Slow Food è promotore.

Laboratorio Bimbo Cheese

Spazio Slow Food

Prima Parte -> Sabato 27 ottobre ore 10,30 Trasformazione dal latte al formaggio Laboratorio partecipato per bambini. Massimo 10 bambini Conduce Az. Agr. Caboi

Seconda Parte -> Domenica 28 ottobre ore 15,30 Raviggiolo dimostrazione: partenza dal latte al prodotto finito e al termine degustazione massimo 15 bambini Conduce Az. Agr. Caboi

Al termine un documento finale rilasciato ai bambini che hanno partecipato ai laboratori ottenendo l’attestato di “Futuro Mastro Casaro”

Laboratorio del Gusto: “Squacquerone e Antico Formaggio nel Sacco”

Ore 10,30 Palazzo Rasponi

Conducono Bianchi Oliviero Casaro e Marco Cavallucci cuoco stellato.
Al termine degustazione gratuita.

Graziano Pozzetto racconta la sua Romagna a tavola: chiacchierata a due con l’autore e Mauro Zanarini su argomenti di attualità che riguardano i progetti futuri di Slow Food

Ore 11,00 Palazzo Rasponi

Presentazione del libro Albana. Una storia di Romagna edito da Il Ponte Vecchio

Ore 11,30 Palazzo Rasponi

Intervengono Giovanni Solaroli e Vitaliano Marchi autori e Sommelier Ais.
Storia dell’Albana, un bianco autoctono romagnolo che si presenta in varie versioni (secco, dolce, fermo, spumante, passito). L’Albana ha affrontato un lungo periodo di crisi, con molti produttori che, cavalcando il flusso turistico non hanno fatto attenzione alla qualità del prodotto. La qualità è migliorata grazie all’impegno dei produttori seri, molti raccontati in queste pagine.
Degustazione gratuita di alcune tipologie di Albana

L’Associazione “Friedrich Schürr” presenta “Romagna slang – In rumagnôl u s dis”

Ore 15,00 Palazzo Rasponi

Verranno illustrate le finalità e le fasi della produzione dei filmati pubblicati su You Tube, una parte dei quali sarà proiettata su grande schermo. Saranno presenti, inoltre, gli attori protagonisti. L’Istituto Friedrich Schürr è un’associazione che ha come scopo la tutela e la valorizzazione del patrimonio linguistico e della cultura materiale romagnola. È considerato uno dei sodalizi culturali romagnoli più intraprendenti e prestigiosi. L’Istituto svolge svariate attività culturali e sociali, organizza interventi nelle scuole e in sedi culturali di prestigio, convegni, concorsi letterari e altro.

Laboratorio del Gusto: I grandi Erborinati

Ore 17,00 Salone dei Mosaici 

Costo Laboratorio €. 15,00 Soci Slow Food / Ais €. 10,00

Comparata di 5 grandi formaggi erborinati Conduce Mauro Schiavon del Tagliere srl che si occupa di selezionare formaggi di qualità. Gorgonzola dop Naturale dal sapore particolarmente deciso (Piemonte vaccino) – Roquefort AOP dal sapore aromatico, piccante e leggermente salato (pecora Francia) – Stilton Blue DOP a lungo conosciuto come il re dei formaggi (vaccino Gran Bretagna) – Cashel Blue della Contea di Typperay friabile in gioventù e tendente al cremoso se invecchiato (vaccino Irlanda) – Cabrales DOP è il più forte dei formaggi spagnoli dal profumo profondo e penetrante, un classico delle montagne dell’Asturia, dove invecchia in alte cave della Baia di Biscay (Spagna). In abbinamento confetture e gelatine con 3 vini: Romagna Albana Passita, Porto, Pedro Ximénez. L’erborinatura è una tecnica di lavorazione casearia che consente lo sviluppo di muffe nella pasta del formaggio con la conseguente comparsa di caratteristiche striature e chiazze blu-verdi.

Laboratorio del Gusto: Clairin Tradizionale di Haiti

Ore 18,30 Palazzo Rasponi

Laboratorio a pagamento

Conduce Jimmy Bertazzoli barman e Brand Ambassador Velier. Chiaccherata con degustazione
Questo nuovo Presidio nasce nel 2018 per accompagnare il lavoro di riscoperta e valorizzazione dei clairin tradizionali haitiani iniziato dalla ditta genovese Velier. L’obiettivo è individuare, mettere in rete e promuovere i produttori di clairin che rispettano il metodo tradizionale di produzione: utilizzando solo canna da zucchero autoctona, coltivata senza prodotti chimici, e trasformata con poche e semplici regole che ne preservano la qualità, come la proibizione dell’uso di lieviti di sintesi e l’uso esclusivo di lieviti spontanei. Il progetto è nato per salvaguardare il clairin tradizionale, patrimonio unico di Haiti, dei suoi contadini e dei suoi distillatori artigianali, e differenziarlo da quello industriale. Ma anche per proteggere il sistema agricolo haitiano, ancora poco contaminato dalla chimica, dando ai produttori di clairin il ruolo di “difensori del territorio”: le loro scelte in termini di produzione influenzeranno infatti il futuro di Haiti. Jimmy Bertazzoli è un abile barman con una precisa idea di ciò che debba essere un barman, ma anche un prodotto: l’essere autentico; in tale contesto Jimmy promuove la genuinità di alcuni prodotti che dovrebbero avere maggiore risalto.

LUNEDÌ 29 OTTOBRE 2018

La cena di fine evento si terrà presso la Cà del Pino Casa Spadoni

Il filo conduttore della cena sarà “ La Cucina di Valle “ e i cuochi protagonisti, entrambi stellati, saranno Maria Grazia Soncini della Capanna di Eraclio, Jolanda di Savoia-Codigoro (FE) e Marco Cavallucci di Casa Spadoni.

Durante la cena presentazione de il “Il Baccanale”-guida alle feste del vino in Italia- EDT Editore. Percorso tra gusti e folclore attraverso l’Italia del vino con la partecipazione dell’autore Pier Ottavio Daniele (coordina per il Piemonte la Guida Osterie d’Italia di Slow Food Editore, esperto enogastronomo e organizzatore di iniziative enoiche).: «Vino e festa sono indissolubilmente legate fino dalla notte dei tempi. Da migliaia di anni i riti – religiosi, pagani, rurali – sono accompagnati da calici e brindisi, perché il frutto dell’uva invoca prosperità e fortuna. Il vino dà il meglio di sé quando onora convivialmente in comunità».

La guida porta alla scoperta di 37 territori, 189 feste del vino, attraverso 105 vini simbolo con 23
focus sui prodotti tipici e sulle trazioni locali con il calendario mese per mese.

Nell’occasione verrà consegnato il premio “É bdòcc d’ör” (il pidocchio o cozza d’oro).

E’ un riconoscimento assegnato da GiovinBacco ogni anno al personaggio che ha saputo valorizzare il
territorio, la cucina e i prodotti d’eccellenza della Romagna. La giuria del premio è costituita da Guido Tampieri (presidente), politico e uomo di cultura; Mauro Zanarini (segretario), Slow Food Ravenna; Nevio Ronconi presidente Tuttifrutti, Licia Granello giornalista di La Repubblica, Silvio Barbero Slow Food Italia, Massimo Montanari storico e docente di storia dell’Alimentazione all’Università di Bologna, Graziano Pozzetto, scrittore ed enogastronomo

I premi assegnati alle precedenti edizioni.

  • 2006  Graziano Pozzetto, scrittore ed enogastronomo
  • 2007  Renzo Amadei, enogastronomo
  • 2008  Piero Meldini, scrittore, storico dell’alimentazione e della cucina
  • 2009  Mario Pezzi, fondatore della storica Fattoria Paradiso di Bertinoro
  • 2010   Giuseppe Bellosi e Giovanni Zaffagnini storico della cultura romagnola e fotografo
  • 2011   Ivano Marescotti attore
  • 2012  Ristorante San Domenico di Imola  Ha ritirato il premio lo Chef Natale Marcattili
  • 2013  Renato Brancaleoni affinatore di formaggi
  • 2014 Eraldo Baldini scrittore
  • 2015  Cristina Mazzavillani Muti Presidente Ravenna Festival
  • 2016 Italo Graziani Presidente Associazione “Il Lavoro dei Contadini”
  • 2017  Franco Lecca pastore e produttore di formaggi