Giorgio e Diletta da Ravenna in Sud Corea grazie allo Yuzu

Giorgio Urso Calè e Diletta Renna titolari della Gelateria Il Divino di Via Mazzini a Ravenna e soci della Condotta Slow Food di Ravenna

rappresenteranno il gelato artigianale made in Italy in Sud Corea.

Nella Gelateria  IL DIVINO si possono gustare sapori e gusti provenienti dai presidi Slow Food Italiani e tra i tanti prodotti di qualità Giorgio e Diletta hanno scelto

anche il frutto nutraceutico giapponese: lo YUZU.

Durante lo YUZU FESTIVAL diversi esponenti provenienti da tutta Europa utilizzeranno questo frutto per realizzare diversi pietanze

e non poteva mancare uno dei prodotti per cui l’Italia è famosa nel mondo: il gelato.

A fine ottobre 2019 si terrà infatti a Gohueng un festival dedicato alla promozione di un particolare frutto locale: lo Yuzu.

A rappresentare il gelato artigianale italiano sono stati invitati Giorgio e Diletta.

Un pò di cultura sul frutto giapponese YUZU

Aromatico, probabilmente – ma non si ha la certezza –  un ibrido tra un mandarino e la Papeda: stiamo parlando della Yuzu, un frutto che negli ultimi anni è un must delle cucina dei grandi chef occidentali. Un frutto esotico che in molti paesi asiatici viene comunemente usato nell’industria alimentare.

La patria dello Yuzu? Il Giappone. Nella cucina nipponica a causa della sua acidità viene consumato anche come frutto fresco. Aromatico. L’aromaticità è la caratteristica principale di questo frutto, che profuma gli alberi e le pietanze.

Japan. Il Giappone è la patria dello yuzu che, a causa della sua acidità, viene raramente consumato come frutto fresco. Ne si apprezza invece molto la buccia, per guarnire e aromatizzare, e il succo, usato come quello di limone.

Koshō. Si tratta di una pasta a base di scorza di yuzu, peperoncino e sale. Dal sapore acre, salata e piccante, si trova nella versione verde o rossa, ed è perfetta per il sushi e il sashimi, ma anche per accompagnare alcuni piatti di noodle o zuppe.

Popolari sono le bevande a base di yuzu, come il vino, i liquori e il tè, tipico della Korea. In Occidente va a insaporire birre, cider e persino il finlandese glögg.

Non solo sul pane a colazione: perfetta per accompagnare pietanze a base di maiale o di pesce, o magari per glassare verdure quali carote.

Quest. L’alta cucina ha scoperto da qualche anno il frutto dello yuzu: molti grandi chef, pasticceri e cioccolatieri occidentali lo amano e lo utilizzano in modi molto diversi fra loro. Da Ferran Adrià ad Alain Ducasse, da Jordi Bordas a Pascal Maynard, da Laurent Gerbaud a Martin Benn, del Sepia di Sydney, che lo inserisce in proposte quali la custard giapponese chawanmushi.

USA. Lo yuzu è oramai popolare negli Stati Uniti, non tanto sotto forma di frutto fresco, difficile da reperire, quanto in forma di succo o di pasta.

Vinegar (Aceto). È fatto con succo di yuzu e aceto di riso. I guerrieri giapponesi hanno sempre bevuto aceto, storicamente, per una lunga e potente vita.

Well-being. Lo yuzu è uno dei nuovi frutti del benessere. Ha varie proprietà salutistiche, e contiene tre volte più di vitamina C che un limone.

Xiāngchéng. È il nome cinese dello yuzu, che proprio della Cina è originario e dove è utilizzato da almeno 1200 anni.

Zest. Il cuore gastronomico dello yuzu, un must in ogni cucina che sappia di Giappone.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.