Il fuoco dei LÒM A MERZ Slow Food condotta di Ravenna dedicato alla memoria di ITALO GRAZIANI

LÒM A MERZ 2019

SLOW FOOD CONDOTTA DI RAVENNA ringrazia i partecipanti dell’evento

LÒM A MERZ 2019Si accendono i Fuochi Magici in Romagna

19° edizione

Il lume di marzodi ieri sera all’Agriturismo Martelli

dedicato alla memoria di

ITALO GRAZIANI, fondatore dell’associazione

IL LAVORO DEI CONTADINI


In questa 19° edizione dei Lumi – Lòm a Merz – [i lumi di marzo] il Comitato di Slow Food Condotta di Ravenna ha deciso di celebrare le donne romagnole e non solo donne, madri, donne coraggiose, figlie, sorelle, lavoratrici, anime della casa, donne testarde, infaticabili, donne capaci che hanno fatto la storia della nostra Romagna. La donna di oggi riesce ad essere lo specchio del passato ma anche la proiezione nel futuro. “Se le donne abbassassero le braccia cadrebbe il cielo” così recita un vecchio proverbio africano.
L’evento coincide con il Giovedì Grasso e abbiamo scelto di dare all’incontro un’impronta informale. Dopo l’accensione del falò da parte del padrone di casa Martelli, Roberto Bucci e Lucio Filippi il #DUOTRABADEL e i ballerini di musica tradizionale romagnola ci hanno fatto ballare come una volta.

Gianluca e l’azdora di casa hanno preparato un menù rustico tipico romagnolo con l’introduzione di alcune novità negli ingredienti come la SABA [prodotto romagnolo che ha ispirato l’originale nome della figlia di 4 mesi].

La simpatica e vera donna romagnola Patrizia Ceccarelli ci ha raccontato la sua esperienza di vita come “cantate romagnola” e Anna Antonietta Amoroso, che di romagnolo ha solo il vino, ci ha presentato i prodotti straodinariamente romagnoli – anche nel nome – della Tenuta Uccellina. Una coppia di ballerini romagnoli, accompagnati da violino e chitarra, ciha intrattenuto con  il repertorio romagnolo di balli tradizionali antichi.

Questi sono alcuni attimi scattati durante la serata di ieri sera:

Grazie a tutti i soci per questa ricorrenza, dove ci si radunava nelle aie, si intonavano canti e si danzava intorno ai fuochi (al fugarèn), mangiando, bevendo e soprattutto divertendosi. “I fuochi di marzo” (fuochi, focarìne e focaràcce) che si vedevano abitualmente nelle campagne e nei piccoli centri della Romagna rappresentavano quindi un importante rito tipico del mondo magico del contadino. Quel mondo che ha ispirato la ricerca sulle tradizioni della Romagna Contadina del nostro compianto amico Italo Graziani, fondatore dell’associazione IL LAVORO DEI CONTADINI.

In questa occasione per la cerimonia de “al fugarèn” i soci Slow Food della condotta di Ravenna oltre alla simbologia del “Fuoco Purificatore” dedicano il lume di marzo dell’edizione 2019 alla memoria di ITALO GRAZIANI.

Dal 26 febbraio al 3 marzo 2019 grazie all’attività dell’associazione Il Lavoro dei Contadini di Faenza, con la Presidente Lea Gardi, più di 40 aziende agrituristiche, musei, ristoranti apriranno le porte ai “gastronauti” alla ricerca delle tradizioni e dei prodotti tipici della Romagna.

Questo il programma degli eventi legati a Lom a Merz.

Leggetelo.

La Romagna vi aspetta a braccia aperte!

#LOAMERZ #SLOWFOODRA #ILLAVORODEICONTADINI #SLOWFOOD #ITALOGRAZIANI

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.