Slow Wine da Montecatini Terme a Ravenna per Giovinbacco 2019

e del 25-26-27 ottobre sarà proposta un’ampia selezione di vini presenti nella guida Slow Wine 2020 serviti dai bravi sommelier dell’AIS: vini che hanno ottenuto il riconoscimento di Vino Slow e di Vino Quotidiano. Per Vino Slow si intende una bottiglia che, oltre ad avere una qualità organolettica eccellente, riesce a condensare nel bicchiere caratteri legati al territorio, storia e ambiente. Dall’edizione 2017 l’attribuzione di questo simbolo implica l’assenza di diserbo nei vigneti. Il Vino Slow risponde anche al criterio del buon rapporto tra la qualità e il prezzo, tenendo conto di quando e dove è stato prodotto. Per Vino Quotidiano si intende una bottiglia eccellente sotto il profilo organolettico che costa fino ad un massimo di 10 €. in enoteca.

Slow Wine è una guida che al proprio centro non ha solo la bontà dei vini, ma che parla di chi li realizza e di come vengono prodotti, di vigneti e di suoli, di naturalità e agronomia, di vitigni e metodi di coltivazione, di un futuro sostenibile. Il messaggio che si vuole fare germogliare è: prima l’agricoltura, prima il valore salvifico del vignaiolo custode della fertilità del suolo, poi magari anche il sentore di ciliegia e fragola dentro il bicchiere.

Per celebrare i 10 anni di Slow Wine si è tenuta sabato 12 ottobre a Montecatini Terme la più grande degustazione di vino dell’anno.

10 anni di Slow Wine! Quale posto migliore per celebrare la prima decade della Guida Slow Wine se non le Terme Tettuccio di Montecatini Terme, la location che ormai ospita la presentazione nazionale della guida da ben 5 anni a questa parte.

Si è trattato di una vera e propria festa, sia per gli appassionati sia per i vignaioli che crescono anno dopo anno come adesioni. Perché, inutile girarci troppo intorno, questo si sta affermando ormai come l’evento dell’anno di degustazione.

A Montecatini – sabato scorso, 12 ottobre – erano presenti 495 cantine con una postazione privata, con il titolare o persona di sua fiducia a presentare il proprio vino (.per leggere la lista completa dei vini clicca qui: Montecatini – Postazioni private) Inoltre erano presenti altre 129 aziende che hanno preferito invece essere inserite nelle Isole regionali, tavoli collettivi la cui mescita è gestita da impeccabili sommelier (per leggere la lista completa dei vini clicca qui: Montecatini – Postazioni private) dove si trovano alcune tra le etichette più preziose della nostra Italia. Oltre 500 produttori presenti con il loro banchetto non si vedono da nessuna altra parte (se non al Vinitaly, ma quello è un altro gioco).

Insomma, un totale di 624 cantine, con oltre 1.000 vini in degustazione: chi altro vi offre una degustazione così?

La Carta dei Vini più incredibile e completa che essere umano ha mai potuto immaginare!

La Degustazione più bella e ricca dell’anno (diffidate di chi dichiara altrettanto, perché non esiste una lista così).

#SLOWWINE #GIOVINBACCO #RAVENNA #SLOWFOODRA

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.